Lamone: il progetto di riqualificazione dell'itinerario ciclopedonale - Comune di Bagnacavallo

Vai ai contenuti principali
 
 
Percorso: Home - Città e territorio - News - Lamone: il progetto di riqualificazione dell'itinerario ciclopedonale  

Lamone: il progetto di riqualificazione dell'itinerario ciclopedonale

L’Ecomuseo delle Erbe Palustri di Villanova di Bagnacavallo ospiterà venerdì 4 ottobre alle 19.30 la presentazione pubblica del nuovo progetto di rifacimento della cartellonistica, della segnaletica, dei parapetti e delle attrezzature per la sosta nelle piazzole di accoglienza dell’itinerario ciclopedonale sulla sommità arginale sinistra del fiume Lamone.

Interverranno l’assessore all’Ambiente Caterina Corzani per illustrare il percorso tecnico e i finanziamenti e, per la campagna comunicativa, l’agenzia Comunicattivi che ha realizzato i materiali. Il progetto è infatti supportato da una campagna di comunicazione dal titolo Emozioni fra acqua e terra per la quale sarà presentato un filmato e distribuito materiale a stampa. La nuova campagna prevede anche una mostra itinerante nei tre comuni che portano avanti unitamente il progetto: Ravenna, Bagnacavallo e Russi. In particolare, presso l’Ecomuseo delle Erbe Palustri di Villanova di Bagnacavallo la mostra sarà visitabile dal 9 al 15 ottobre durante gli orari di apertura dell'Ecomuseo.

 

A conclusione sarà fatto un breve riassunto sull’attività svolta da parte del coordinamento del progetto Lamone Bene Comune e un cenno ai prossimi importanti eventi lungo il percorso del Lamone.

 

Il progetto rientra nell’operazione di riqualificazione dei percorsi di fruizione lungo il fiume Lamone, interamente finanziata, con uno stanziamento di 180mila euro, dai fondi europei del Programma di sviluppo rurale regionale 2014-2020, attraverso il Gruppo di azione locale (Gal) Delta 2000. Il Comune di Ravenna ha ottenuto il finanziamento quale capofila del progetto, candidandolo, insieme con i Comuni di Bagnacavallo e Russi, al bando Interventi di qualificazione e miglioramento della fruizione di spazi naturali, vie d’acqua, aree storico-archeologiche e aree pubbliche a fini turistici, ricreativi, sociali.

 

L’Ecomuseo delle Erbe Palustri in via Ungaretti 1.

 

Informazioni:

0545 47122

 

Come fare per

 
 

Servizi per fasce di età e interesse