Informazioni generali sulla città - Comune di Bagnacavallo

Vai ai contenuti principali
 
 
Percorso: Home - Città e territorio - La città - Informazioni generali sulla città  

Informazioni generali sulla città

immagine di piazza nuova

Bagnacavallo, il cui nome verrebbe da un'ipotetica sorgente termale che avrebbe risanato il cavallo dell'imperatore Tiberio, è una delle mete turistiche più interessanti del ravennate.
 La fanno tale il ben conservato centro storico, costruito su una originale pianta medievale con singolare struttura sinuosa, vie porticate di bell'effetto e un gran numero di palazzi nobiliari ed edifici religiosi.
 Su piazza della Libertà si affacciano il neoclassico Palazzo Comunale,  costruito a partire dal 1791 su progetto di Cosimo Morelli e, a fianco, il bel Teatro Goldoni , inaugurato nel 1845. Nel lato ovest, il Palazzo Vecchio  (del XIII secolo, ma più volte rifatto) e la Torre civica , eretta a metà del '200; utilizata come prigione, nel 1849 vi fu rinchiuso il leggendario brigante "Il Passatore". Adiacente alla piazza, in via Trento Trieste, la Chiesa del Suffragio  del XVII secolo e l'Antica galleria , un passaggio pubblico seminterrato.
 Su via Mazzini i principali edifici sono: il Palazzo delle Opere Pie , costruito nel 1728; la seicentesca  Colleggiata di San Michele  Arcangelo  che custodisce la magnifica pala di Bartolomeo Ramenghi ; il Palazzo Longanesi Cattani , dall'elegante facciata porticata, la Chiesa del Carmine , tra barocco e neoclassico il vicolo degli amori , caratteristico passaggio attiguo all'ex convento dei padri carmelitani, il Palazzo Abbondanza  del 1675, che conteneva il primo teatro pubblico della città, il Palazzo Folicaldi , dimora gentilizia seicentesca e la Porta Superiore  che chiude via Mazzini.
 Percorrendo via Garibaldi si incontrano il settecentesco Palazzo Gradenigo , la Torraccia  del XIII secolo, la Chiesa  e il Convento di San Giovanni  del XVII secolo, dove nel 1882 morì la piccola Allegra, figlia del poeta Lord Byron. Chiude via Garibaldi la Porta Pieve .
 Sempre in centro, in via Matteotti, Palazzo  Capra , uno dei più eleganti palazzi gentilizi della  città, il Castellaccio  in via Baracca, costruzione fortificata del XV secolo, la stretta e caratteristica Via Garzoni  lungo la quale si incontrano i Palazzi Liverani  e Randi  e, su via Diaz, l'elegante Palazzo Graziani , del XVIII secolo, con l'orto botanico detto Giardino dei Semplici.
L'edificio più caratteristico di Bagnacavallo, quasi unico nel suo genere per l'originalità e l'eleganza delle strutture è Piazza Nuova , ovale e porticata, risale al 1758, fu costruita come luogo per la contrattazione e la venidta di carne, pesce, olio. Tra via De Amicis e via Cadorna sorge il complesso di San Francesco , edificato nel XIII secolo, rimaneggiato più volte e in parte ricostruito alla fine del Settecento. L'imponente convento, con l'incantevole chiostro, è stato recentemente restaurato e destinato parzialmente ad ostello. Ospita alcune sale pubbliche, tra cui la magnifica sala Oriani , ex refettorio dei frati.
 In via Vittorio Veneto, nell'ex convento delle Cappuccine ha sede il Museo civico delle Cappuccine , vi sono riunite importanti collezioni di arte antica e moderna, oltre alla biblioteca e al notevole archivio storico. Le Cappuccine ospitano anche un prezioso Gabinetto delle Stampe antiche e moderne.
 Appena fuori del centro si incontra la Pieve di San Pietro in Sylvis , meravigliosamente conservata, risale ai primi decenni del VII secolo; nell'abside custodisce importanti affreschi trecenteschi di scuola riminese, da vedere anche la cripta.
 Poco lontano dalla Pieve, il Podere Pantaleone , un ambiente di grande valore naturalistico, testimonianza della vecchia campagna romagnola. In località Villanova di Bagnacavallo  meritano una visita l'Ecomuseo della Civiltà Palustre  che recupera e conserva un patrimonio tradizionale fatto di incastri, intrecci, trame, torsioni e filature e l'Etnoparco Villanova delle Capanne  per osservare le splendide costruzioni rurali in canna palustre. 

Bagnacavallo è in provincia di Ravenna, a 23 Km dal capoluogo, 20 km da Faenza, 56 km da Bologna e circa 30 km dal mare Adriatico. La città si trova all'incrocio tra la strada statale San Vitale (che congiunge Bologna a Ravenna) e la strada provinciale Naviglio. Uscite autostradali: Bagnacavallo A 14 bis. Bagnacavallo si trova sulla linea ferroviaria Bologna - Ravenna. Gli aereoporti più vicini sono: Bologna, Forlì, Rimini. Il territorio comunale ha una estensione di circa 80 Km quadrati. Con oltre 16.000 abitanti residenti nel capoluogo e nelle sette frazioni di Boncellino, Masiera, Rossetta, Traversara, Villanova, Villa Prati e Glorie. L'economia si regge prevalentemente sull'agricoltura (grano, granturco e frutteti) e sullla piccola e media industria (calzaturiera, elettrica, produzioni alimentari).

Consulta la piantina del comune a questo link

Come fare per

 
 

Servizi per fasce di età e interesse